Tortina Meringata

12:50 Angela M. 11 Comments

Tutto è molto veloce, tra organizzazioni, preparativi per le festività e partenze, anche quest’anno ahimè sono arrivata in ritardo e molte cose che avrei voluto fare non ho fatto, alla fine mi ritrovo sempre a correre e a tralasciare alcuni dettagli. Non ho tempo per fare nulla, tutti esigono tutto e sembra di non fare mai bene nulla, non vedo l’ora di approdare in Puglia, dalla mia famiglia, rallentare un po’ e rilassarmi. 

Nel frattempo di cose ne ho cucinate, sperimentate, gustate… 
Tra queste vi presento una mini tortina alla farina di riso con amarene e mini meringhe soffici. 




11 commenti:

Orecchiette "relax and take it easy"

13:01 Angela M. 1 Comments

La mattina quando mi sveglio e lo trovo ancora lì al mio fianco per me è sempre una grande sorpresa e mi dico: ahhh non è ancora scappato!

Diciamolo io non sono proprio una semplice, sono complicata, difficile,  amo fare le cose con precisione e mi aspetto che anche gli altri siano muniti di questa dote meravigliosa.

Mia madre ad esempio è sempre stata molto paziente con me, ed ora che non sono più a casa, tutta la sua comprensione va a quel poveretto che mi sopporta!

Ora con il blog, la nostra vita è diventata ancora più “complicata”, cucinando quasi esclusivamente la sera, lui mi aiuta a preparare il soft box, con il kit dei faretti, dei teli da mettere come sfondo e dopo l’impiattamento mica si mangia, seeee magaaari, mentre io scatto le foto, c’è lui, abbandonato in cucina con un mare di utensili che escono dal lavello, e il suo piatto ancora da impiattare….

Dopo aver scattato qualche foto al mio piatto (nemmeno poi tanto, visto che ho il problema che la voglia di mangiare poi vince sulla voglia di fotografare),  mi fiondo a tavola per mangiare e magari lui non è ancora pronto con il suo piatto, ma intanto il mio si fredda e inizio qualche secondo prima…

Capite? Non è facile, non è facile per niente, però devo dire, che se non avessi condiviso con lui questa mia passione, probabilmente non sarei ora qui a scrivere. Lui è un mio gran sostenitore, mi legge e mi da persino consigli sui titoli dei post e poi vuoi mettere? Alla fine usufruisce di tutti i miei esperimenti culinari e mica si lamenta! Quindi tralasciando qualche piccolo dettaglio, tuttosommato gli va alla grande!

Solo una cosa…in futuro devo imparare a non fare sempre le cose da sola (solo perché mi piacciono di più come le faccio io), cucinare insieme e condividere anche piccole scelte quotidiane ha un sapore diverso, unico…
Relax and take it easy, questo è il suo motto e devo dire che quando riesco a seguirlo, tutto è più facile!

Orecchiette con crema di zucchine e mazzancolle


1 commenti:

In città come in montagna

11:54 Angela M. 3 Comments

Fa freddo e con queste temperatura ci sta una meraviglia questo sandwich caldo di speck e provola.

Io ho usato lo speck Igp della Senfter, che adoro particolarmente…come ci insegnano i nostri amici altoatesini, lo speck deve essere con poco sale, leggermente affumicato, quindi dal sapore delicato.

Non è molto light ma ogni tanto bisogna trasgredire altrimenti che tristezza…



3 commenti:

Fagottini di verza con ripieno di patate e salsiccia di Mangalica

12:15 Angela M. 4 Comments

Fine settimana di food session.

Ho impastato, spadellato, infornato, panificato, però ora mi serve un giorno di vacanza per riprendermi dalle fatiche della cucina…

Tra un’infornata a destra e una spadellata a sinistra c’è stata solo una piccola parentesi di shopping per comprare degli addobbi di natale e devo dire che mi è bastato lo stress tra gli slalom nei negozi pieni di gente e le file alle casse.

Appena rientrata a casa, chiusa la porta alle  spalle con varie mandate  mi sono immersa nuovamente in cucina.

Quindi abbiate pazienza, sto ancora cercando di raccogliere le forze, per questo non mi dilungherò in bla bla bla.


Fagottini di verza con ripieno di patate e salsiccia di mangalica.

Ingredienti:
Verza piccola
Patate lesse
Salsiccia di maiale
Rosmarino


Procedimento:
Ho sbianchito le foglie di verza in acqua bollente per qualche minuto, le ho scolate e appiattito il dorso della verza con il batticarne. Nel frattempo ho schiacciato le patate lesse, condite con sale, pepe e un po’ di parmigiano.
Ho ripassato in padella con uno spicchio d’aglio la salsiccia di maiale di Mangalica (un sig. maiale di origine balcanica), sbriciolata, rosolata e aggiunta al composto di patate.
Ho creato dei pacchettini di verza con dentro il ripieno di patate e salsiccia, richiuso con uno spago da cucina e ripassato in padella con un filino d’olio d’oliva. Rosolate da ambo le parti con un pò di rosmarino e servite. 

Bhè che dire? Ottime come antipasto in versione più mini oppure secondo piatto.


4 commenti:

Orecchiette a quattro mani

12:26 Angela M. 18 Comments

Correva l’anno 1993, avevo 12 anni, non c’era internet, non esistevano i cd, c’erano ancora le “cassette” a nastro, e ricordo che io e mia mamma una volta al mese andavamo in un negozietto di musica con la lista delle canzoni che ci piacevano di più e ci facevamo fare le nostre hit personalissime. A volte prendevamo i titoli delle canzoni su tv sorrisi e canzoni dove ogni settimana c’era la classifica degli album e dei singoli, altre volte quando eravamo più sfortunate succedeva che mia madre (una pazza scatenata) cantava direttamente la canzone al tizio del negozio, a volte con tanto di coreografia!

Lez cam tugheder,
vrait nau
oh yeahhh
in suiiiit armorniiii!



Questa era la canzone cantata in un inglese improbabilissimo, ancora rido al ricordo di quell’immagine!

Mia madre è folle, ancora oggi ha degli attacchi di ballo convulsivo! Mi contatta con what’s up dicendomi che è emozionata perché ha usato shazam e ha scoperto il titolo di una canzone di John Legend, che lei tra l’altro adora! 

Cioè vi rendete conto?

Lei si è adeguata nel tempo, la sua follia pure!
E comunque a parte la sua parte giocherellona, lei è proprio una gran Mamma.  Ci ha fatto divertire da matti da ragazzini, ci ha assecondati sempre nei nostri gusti e nelle nostre passioni, non ci ha mai ostacolato e a me personalmente mi ha insegnato tantissime cose, fin da piccola ero una perfetta donnina di casa.

Mia mamma è rock e lo è anche quando fa due chili di orecchiette con me per farmele portare a Roma e poi si dimentica di averle fatte! Io invece ho ancora i polpastrelli delle dita che mi fanno male al solo ricordo!




18 commenti:

Fungo Cardoncello Mon Amour

10:49 Angela M. 4 Comments


Anche quest’anno sul balcone di casa mia si è aperta la stagione dei funghi. Non c’è niente da fare, certi sapori e tradizioni della mia terra mi mancano troppo, quindi ho pensato bene di esportare i funghi delle Murge a Roma. L’esperimento è riuscito alla grande, sono riuscita ad ottenere il massimo della resa con due “ballette di funghi”.

Si tratta del Cardoncello (Pleurotus eryngii), di colore scuro carnoso e sodo, definito un fungo “onesto” in quanto non si confonde con nessun fungo velenoso, “discreto” perché il suo profumo non è intenso ma sottile dal gusto delicato che valorizza il sapore di altre pietanze senza coprirle.
Io lo mangio fritto, gratinato, trifolato, mollicato, al sugo, con la pasta, con il riso, con carne, pesce e verdure…lo mangerei pure a colazione…
Presto lo vedrete in alcune mie ricette!

4 commenti:

Autumn in Love

14:00 Angela M. 9 Comments

Amo questa stagione.
L’aria frizzantina, le foglie gialle sul ciglio della strada, il rumore della pioggia incessante, le coperte sul divano e le tisane calde prima di andare a letto.
Amo cucinare ricette nuove ma anche quelle collaudate, di tradizione.
Amo sporcarmi le mani di farina, di burro, stare con le mani in pasta.
Amo iniziare a pensare al Natale.
Amo e sono felice.




Ingredienti:
Riso carnaroli, scalogno,  zucca, provola affumicata, speck, brodo vegetale.

Procedimento:
Far rosolare in una pentola lo scalogno, aggiungere lo speck tagliato a dadini e la zucca a pezzetti e lasciarla cuocere, versare il riso e farlo tostare, poi aggiungere il brodo un po’ alla volta fino a cottura ultimata.

Infine mantecare con parmigiano e aggiungere la provola affumicata a dadini far riposare 5 minuti, impiattare con lo speck sopra croccante, pepe nero in grani macinato e servire subito.



9 commenti:

AntipastiAmo?

13:02 Angela M. 15 Comments


Dopo un rientro a casa stancante con file chilometriche in autostrada da farti venire le crisi epilettiche, di pacchi e carichi eccessivi, ma anche di sorrisi, di baci e di abbracci in famiglia, l’unica cosa di cui voglio parlare ora è mangiare!
Magari stuzzicare, antipastare…
E quale migliore occasione per mangiare queste sfizioserie? Non ci vuole molto a prepararle, bisogna solo assemblare (o quasi!).


Ingredienti:
pasta brisè, zucchine, brie, latte.

Ho tagliato con il coppapasta la pasta brisè, le ho messe negli stampini da cupcakes, dentro ho messo zucchine precedentemente cotte in padella per qualche minuto e brie. Sinceramente avrei dovuto creare una sorta di fonduta con brie e latte, ma io non l’ho fatto, il risultato è buono uguale, provare per credere!
Spennellate la superficie con il latte e infornate a 200°C per 30 minuti.


(giuro, questo è l’ultimo post poco serio che pubblico! Il tempo di prepararmi psicologicamente al rientro e farò le cose seriamente!)


15 commenti:

Paccheri con zucchine grigliate e granella di pistacchi

12:29 Angela M. 1 Comments


Per trovare la mia dimensione di pace è indispensabile che io non perda tempo. Arrivare al dunque per me è sempre stato “l’essenziale", il rischio è risultare troppo “strong”, ma who cares!?
A me garbano le persone che quando gli fai una domanda ti rispondono onestamente.
Gli chiedi una cosa, loro dicono due o tre parole, e tu capisci tutto.
Capisci come sono fatti, che non fingono. Replicano con delle parole che non hanno ragionato. Dicono delle cose come una specie di panno che pulisce su una superficie sporca.
Persone nette, cristalline.
Mi piacciono anche quelle persone che quando le inviti a pranzo o a cena riescano a capire che attraverso la presentazione e la scelta degli ingredienti c’è cura, dedizione, passione ed esperienza, perché per quanto una cena informale e dai sapori semplici sia bella è passato il tempo in cui si cucinava per riempirsi la pancia. 
(almeno, a me piace pensare che le persone colgano questo)

1 commenti:

Cavatelli alla marinara

10:53 Angela M. 8 Comments


Rewind...
Se potessi riavvolgere il nastro di questo fine settimana…
Avevo un unico bisogno…quello di mettermi nel letto e tirarmi le coperte fin sopra la testa. Era quello il mio programma, ed in larga misura lo è ancora. Non è stato possibile tra uno shopping forzato e un tour de force a tavola a casa di amici, mi è mancato dedicarmi del tempo, riposarmi. 
Oggi è lunedì, e sono una zombie, domani è martedì, ho piscina e precisamente “fiato” che già la parola non è carina per niente, e non continuo con il resto perché sono già stanca al pensiero.
Fortuna che qualche soddisfazione ce la siamo tolta…

8 commenti:

Che rumore fa la felicità?

14:31 Angela M. 6 Comments


La musica di un gruppo che ha vinto il premio Luigi Tenco suona alla nostra radio, mia sorella balla con Giulia in braccio, e la vedo volteggiare per tutta la casa, io affetto le scorzette di limone e mia mamma che tra un giro di walzer e un bacio alla piccolina è felice della preparazione di questo dolce. I gattini si affacciano incuriositi dalla musica che esce dalle nostre finestre…io e mio fratello (il papà di Giulia) ci uniamo al ballo, lei è felice, ride a crepapelle, 16 mesi di bellezza e bontà…è cuore, è amore, è lo specchio della mia famiglia, i geni non ci hanno tradito…

6 commenti:

Ode al Tiramisù

11:30 Angela M. 8 Comments




Per me il dolce per eccellenza è il tiramisù, quello con i savoiardi e il mascarpone. Ed anche se si tratta di gusti personali, qualsiasi altra variante per me non è il TIRAMISU’! Sarà un altro dolce…
Quindi Tiramisù serio: Savoiardi e non pavesini, mascarpone e non panna, queste le basi fondamentali, e magari per molti sembrerà un’ovvietà, ma fidatevi la delusione quando affondi il cucchiaino nei vari tiramisù che vengono spacciati per tali  è veramente tanta!

Per l’occasione abbiamo collezionato le coppette della Seletti, di recente in regalo da McDonald's (ho costretto il mio ragazzo a mangiare lì una volta a settimana nella pausa pranzo per averle!). Coppette perfette, miniporzione, facili e indolore da gestire in un week end, pranzo-cena, pranzo-cena!

8 commenti:

Spiedini di pesce aromatici

15:00 Angela M. 8 Comments

La frase d’amore più vera, l’unica è: ‘hai mangiato?’  (Elsa Morante)

E più precisamente per me è importante assaporare.

assaporare
[as-sa-po-rà-re] v.tr. (assapóro ecc.) [sogg-v-arg]

1 Assaggiare una sostanza e gustarne il sapore
2 fig. Sperimentare intensamente qlco. SIN 

Sentite la poesia di questa parola?
Personalmente quando mi capita di mangiare senza dover assaporare, la giornata prende una brutta piega.
Il mio ragazzo dice che ho una certa magia nelle papille gustative, anche quando accuso un malessere, la soluzione ai miei mali è mangiare! Funge da anestetico!
Non mangiare semplicemente, mangiare con sapore, con gusto e tutto mi sorride.
Non sono pazza e non si tratta nemmeno di un’ossessione (come qualcuno sostiene acidamente).
La mia è passione.
Certo non a tutti è dato sapere di che si tratta.

Proprio per questo motivo che mi sono data alla preparazione di questi spiedini che pur essendo molto semplici io adoro alla follia.
Gli ho preparati perché qualcuno voleva “convincermi” che quelli che si vendono al banco della pescheria nei supermercati sono superlativi.
(quelli già pronti, con dei pezzettoni enormi di pesce made in Cina, sbiancato con additivi chimici, magari!)
Sapete che c’è? Io Stasera me li mangio sti spiedini superlativi, ma preparati da me!


8 commenti:

Trofie al profumo di mare e pic nic ♥

15:03 Angela M. 10 Comments

Quando mi sento sopraffatta dalla noia e dalla stanchezza, e mi sento schiacciata dagli impegni e dalle preoccupazioni è necessario fare una pausa pranzo come si deve, se poi è al parco, ancora meglio.
La temperatura è perfetta, fa caldo ma non troppo, prendo il tel e chiamo LUI: “oggi per pranzo facciamo una cosa carina, passa a prendermi!”
Destinazione laghetto dell’Eur.
Nel portabagagli della macchina c’è il magic blanket, ovvero, la coperta da pic nic, solo che io la chiamo magic, come tutte le cose che ci riguardano.
E’ bella, è enorme, cerata sotto e a quadri sopra.
(devo assolutamente comprarne un'altra, perché se dovessi decidere di invitare qualcuno al picnic, è necessario averne due perfettamente uguali).
Scegliamo un posto all’ombra, srotolo il magic blanket sotto un’enorme magnolia, mi tolgo le scarpe, incrocio le gambe, e sono felice, ma felice veramente perché riesco a dedicare un po’ del mio tempo alle cose belle.
Questa sera cenetta sfiziosa, ed un altro motivo per essere felice è che in frigo mi aspetta un mini porzione di Tiramisù, mini perché ci siamo imposti di fare la dieta, ma poi decidiamo di mangiarci due porzioni perché quella era troppo mini ma ci fa sentire meno in colpa!
tanti ♥ ♥ ♥ !

Passiamo alla ricetta…Trofie gamberi calamari e pesto…

Adoro questo piatto, mi piace moltissimo come si sposa il pesto con il pesce, sicuramente niente di nuovo, ma mi piace prepararlo e soprattutto gustarlo…


10 commenti:

Roselline di melanzane ripiene e ultimi giorni di relax

15:00 Angela M. 14 Comments

Mi godo il sole di settembre,
ultimi giorni di mare,
sole e relax
spiaggie e piscine termali a 37°C,
uno scialatiello con vongole, 
un bruschettone ai pomodori dolcissimi,
il babà, il caffè, il rucolino,
lo zio che gioca con la nipotina,
l’indiano che vende gioielli sulla spiaggia con gli occhi blu, blu come il cielo,
il mare stanca…
stanca ma sono felice, di essermi concessa quest’altra pausa dalla giungla metropolitana.


14 commenti:

Ponza e spaghettino sciuè sciuè...

16:11 Angela M. 6 Comments


Sull’onda di:  "...mare profumo di mare..." ho cucinato questo spaghettino, ispirata dalla tradizione, dai profumi e dai colori di quest'isola meravigliosa che è Ponza.
Quest’anno fare quest’altra tappa di mare per me è stato necessario, importante, significativo…
Nonostante le avversità iniziali a causa di  una partenza difficile, il fine settimana trascorso con i nostri cari amici a Ponza è stato meraviglioso. 
Mi è piaciuto girare nei vicoletti, mangiare il fritto di calamari nel cono a volo a volo, fare acquisti simpatici.
Quest’isola ti apre le braccia, ti accoglie e ti coccola.

6 commenti:

Baccalà "arracanato" su vellutata di fave secche decorticate

11:00 Angela M. 10 Comments

A gran voce e su richiesta della mia famiglia, ri-pubblico questo piatto cucinato e mangiato per loro/con loro! 

© Foto Giuliana Massaro

Ritorno alle origini.
Questa è una ricetta di tradizione, della mia terra, della mia famiglia. Preparare questo piatto per me, significa essere a tavola con loro, il momento più bello della giornata, quando tutti insieme attorno alle nostre pietanze ci dedichiamo del tempo, ci raccontiamo, ci domandiamo e ci rispondiamo. Siamo semplicemente presenti per gli altri, condividendo i momenti della nostra giornata, confrontandoci e confermando il nostro legame speciale.
Davanti ai nostri piatti si consumano le dichiarazioni d’amore più belle, le discussioni più animate…
ci consolidiamo, ci amiamo…

10 commenti:

Home Sweet Home e Tortini di lattuga ripieni

14:30 Angela M. 13 Comments


In vacanza non si cucina, ci si rilassa, siamo contenti.
Poi dopo i primi due o tre giorni, un’insoddisfazione crescente, piatti pronti e costosi che avrei cucinato meglio io!
CHE NOIA!
Quindi, alla fine, lo ammetto mi è mancato cucinare, ed il ritorno a casa, ai miei fornelli è stata la parte migliore delle vacanze, che con le giuste provviste ho potuto rivivere alcune emozioni dell’estate…riproponendo alcune ricette del posto (Vedi keftedes di zucchine).
Appena ho potuto nella mia seconda parte di vacanze (quella trascorsa in puglia dalla mia famiglia) mi sono dedicata alla cucina, per il puro piacere di cucinare, ospitare e stare bene insieme.
Mi è piaciuto partire, ma mi è piaciuto anche tornare…

13 commenti:

Cheese cake alle amarene ed il ritorno alla normalità!

15:53 Angela M. 14 Comments



"Bisogna stare meglio…
Ad esempio, se si sta benino bisogna stare bene.
Se si sta bene bisogna stare benissimo.
Se si sta benissimo bisogna esplodere di gioia.
Se si è esplosi di gioia va bene così, anche un po’ di moderazione va bene."
Aldo Nove 

14 commenti:

Burratine ripiene handmade

15:00 Angela M. 6 Comments




Sopravvivo al caldo e soprattutto sono ancora in città!
Devo dire che non mi dispiace particolarmente vedere Roma deserta, soprattutto senza traffico, senza code kilometriche ai supermercati, gente stressata ed esaurita per strada!
Mi piace essere la prima al semaforo rosso, girare per il supermercato senza troppi slalom, fare le cose con calma…
Con la stessa calma mi dedico a questa preparazione troppo carina, fresca e veloce…

6 commenti:

Creta, Sole, Mare e Kolokytho Keftedes!

11:09 Angela M. 9 Comments

Dalla Grecia con furore...le polpettine di zucchine...

Polpettine di zucchine in piatto di ceramica Cretese!

Sono stata una settimana intera a valutare l’acquisto di un libro di ricette greche, solo il penultimo giorno ho acquistato il libro della felicità.
La decisione sulla scelta di vari libri è caduta su quello che aveva la tanto agognata ricetta delle polpettine di zucchine.
Ho acquistato il libro più brutto con meno illustrazioni, ma con la ricetta delle Kolokytho Keftedes!
Di Creta naturalmente oltre ad aver apprezzato la cucina, ho adorato i paesaggi selvaggi, il contatto con la natura, la fatica di un’escursione prima di giungere a destinazione, ed una volta arrivati, la ricompensa: il posto meraviglioso!
Sono stata bene, sono stata meravigliosamente bene, forse, sarei dovuta rimanere qualche giorno in più, perché non ho visto “tutto” quello che avrei voluto…
Una sorpresa piacevole, è stato l’incontro casuale di una amica a Creta, quando si dice il mondo è piccolo! Ancora mi risuonano nella testa le nostre risate l’ultima sera a cena…

Vi  lascio qualche scatto della mia vacanza, senza tralasciare la preparazione per queste keftedes…

9 commenti:

Piacere Estivo: Centrifugato di mela, pesca e lamponi al profumo di menta!

16:31 Angela M. 13 Comments



Curiosa di provare finalmente il centrifugato con gli utensili del Kenwood food processor e complice il caldo,  mi sono concessa questa coccola…
La differenza tra un centrifugato e un frullato sta nelle fibre, con il frullato la frutta o la verdura vengono ridotte a una purea, con il centrifugato si ottiene solo puro succo senza residui…Praticamente una bomba di vitamine, sali minerali e antiossidanti! 
Frutta e verdura si possono miscelare per ottenere da entrambe il massimo. Mela e sedano, pera e finocchio, arancia e carota, le varianti sono infinite…io ho usato quello che avevo in frigo!

13 commenti:

Scaloppine di pollo ai cornflakes

09:00 Angela M. 10 Comments


Fa caldo ed io odio il caldo, annebbia l’intelletto, mi toglie l’energia, la voglia di fare.
Questo è un periodo di sopravvivenza…al caldo, alle scadenze, alla gente che dà di matto…
Per questo motivo non mi cimento in grandi preparazioni, perché voglia di mangiare zero, e vi propongo senza parlare troppo, questa ricettina facile e poco calorica…
l’unica pecca bisogna accendere il forno…ve la sentite?

10 commenti:

Crostata salata ricotta e salsiccia

18:35 Angela M. 19 Comments



E anche se le vacanze sono finite e già me ne servirebbero altre e altre e altre ancora, mi sento bene, mi sento felice perché anche se sono tornata a lavoro, c’è ancora aria di vacanza.

19 commenti:

Pollo croccante alla caprese

17:18 Angela M. 12 Comments


E’ tutto pronto, o quasi…
mancano solo pochi dettagli e poi si parte…
Vi giuro, in tutta la vita mia,  una valigia così easy non l’avevo mai fatta!
Costumi, 2 vestitini, 4 magliette, 1 pant, 2 paia di scarpe.
No make-up, no piastra, no scocciature,
solo tanta voglia di evadere e una valigia piena di sorrisi!
Prima di partire, vi lascio questa ricettina davvero sfiziosa.


12 commenti:

Cozze gratinate su letto di patate

17:54 Angela M. 10 Comments


"Vento d’estate, io vado al mare voi che fate? Non mi aspettate…forse mi perdo!"

Dopo 3 anni di NON vacanze e di pel di luna, quest’anno si parte!
Destinazione Creta!
E, giustamente, proprio quando decido di partire io, a soli 10 gg dalla mia partenza, sull’isola si verifica un terremoto di magnitudo 6.1.


10 commenti:

Estate e cous cous leggero leggero...

15:00 Angela M. 5 Comments


Programmi per l’estate: GODERSI L’ESTATE.
uscire,
passeggiare,
concentrarsi su discorsi piacevoli,
viaggiare,
ignorare le cose brutte,
godersi la bellezza della vita.
Felicità
Vita leggera…

5 commenti:

Di cinema e galette bretonne!

15:00 Angela M. 4 Comments


Era il 1996 quando vidi il mio primo film di Baz Luhrmann, “Romeo+Giulietta”, rimasi affascinata da questa interpretazione in chiave postmoderna...dalla straordinaria colonna sonora, dai toni alti e a volte esasperati.
C’è chi lo definisce kitsch, pomposo, visionario, io invece l’adoro, così come ho adorato Il grande Gatsby. Personalmente non ho letto il romanzo, ma quelli che dicono che questo racconto non aveva bisogno di una virgola in più, si sbagliano…
Questo romanzo viene tradotto sullo schermo in scenografie scintillanti, colonne sonore costruite con grande impegno e alla fine del film ti ritrovi stordita, ammirata, strafatta…
il finale triste ma commovente…
Grande Gatsby! Grande Luhrmann!

4 commenti:

Chichen Wrap

20:00 Angela M. 9 Comments


Ho deciso di non addormentarmi più davanti al pc,
Ho deciso di dedicare i miei ultimi minuti della giornata a qualche riga di un 
buon libro abbandonato sul comodino,
Ho deciso di diluire le emozioni, coltivare i buoni propositi composta e silenziosa,
Ho deciso di non inciampare puntualmente nelle vite vacue, perché certe situazioni mi fanno orrore, ed io non lo merito...
Ho deciso di saziarmi di qualcosa che non so dire...

9 commenti:

Quel che resta di una cheese cake!

20:00 Angela M. 2 Comments

quel che resta della cheese cake!


“Perciò prima di tutto vivere: Primum vivere. Giorno per giorno. Resistere, attendere, sperare”
Irène Némirovsky


Il premio per essere sopravvissuta al fine settimana scorso, all’inizio settimana e pure alla metà della settimana è la creazione di questa fantasticheria con ricotta di bufala. Non quella che comperi, ma quella che ti regalano (nel casertano) quando comperi la mozzarella di bufala.

2 commenti:

Buoni propositi per la primavera/estate 2013

15:00 Angela M. 4 Comments


Chissenefrega se sono sopra le righe, se esprimo con forza amore, odio, rabbia,
Chissenefrega se NON sono puntale-precisa-perfetta,
Chissenefrega degli errori… e se non è mai abbastanza.
Chissenefrega se poi non me ne frego,
…ma…
non voglio preoccuparmi, voglio essere leggera, indifferente.

E con la stessa leggerezza che preparo questo piatto:

4 commenti:

Gallette di zucchine su pomodorini

14:30 Angela M. 13 Comments




Capelli raccolti, t-shirt comoda…

Lavo le zucchine, le mondo e tolgo l’estremità. Le taglio a cubetti piccoli. Prendo le uova le sbatto leggermente  e unisco le zucchine con un po’ di farina. Aggiungo il parmigiano grattuggiato a scaglie grosse e lo unisco al resto. Prendo delle foglie di basilico e le spezzetto con le mani e respiro l’odore delle tenere foglie. Macino a pioggia pepe e sale. Termino con un filo d’olio extravergine e mescolo piano piano.

Avere le mani impegnate, pensare al taglio meticoloso, al godimento dei profumi, alle dosi e ai condimenti, un piacere solitario che mi garantiscono un sorriso, un rifugio.
Mi eclisso, mi perdo dentro quello che cucino.
Respiro profondamente ed ascolto il vociare della gente che cena fuori in veranda ed il rumore delle loro stoviglie che arriva fino al secondo piano.

13 commenti: