Chichen Wrap

20:00 Angela M. 9 Comments


Ho deciso di non addormentarmi più davanti al pc,
Ho deciso di dedicare i miei ultimi minuti della giornata a qualche riga di un 
buon libro abbandonato sul comodino,
Ho deciso di diluire le emozioni, coltivare i buoni propositi composta e silenziosa,
Ho deciso di non inciampare puntualmente nelle vite vacue, perché certe situazioni mi fanno orrore, ed io non lo merito...
Ho deciso di saziarmi di qualcosa che non so dire...

9 commenti:

Quel che resta di una cheese cake!

20:00 Angela M. 2 Comments

quel che resta della cheese cake!


“Perciò prima di tutto vivere: Primum vivere. Giorno per giorno. Resistere, attendere, sperare”
Irène Némirovsky


Il premio per essere sopravvissuta al fine settimana scorso, all’inizio settimana e pure alla metà della settimana è la creazione di questa fantasticheria con ricotta di bufala. Non quella che comperi, ma quella che ti regalano (nel casertano) quando comperi la mozzarella di bufala.

2 commenti:

Buoni propositi per la primavera/estate 2013

15:00 Angela M. 4 Comments


Chissenefrega se sono sopra le righe, se esprimo con forza amore, odio, rabbia,
Chissenefrega se NON sono puntale-precisa-perfetta,
Chissenefrega degli errori… e se non è mai abbastanza.
Chissenefrega se poi non me ne frego,
…ma…
non voglio preoccuparmi, voglio essere leggera, indifferente.

E con la stessa leggerezza che preparo questo piatto:

4 commenti:

Gallette di zucchine su pomodorini

14:30 Angela M. 13 Comments




Capelli raccolti, t-shirt comoda…

Lavo le zucchine, le mondo e tolgo l’estremità. Le taglio a cubetti piccoli. Prendo le uova le sbatto leggermente  e unisco le zucchine con un po’ di farina. Aggiungo il parmigiano grattuggiato a scaglie grosse e lo unisco al resto. Prendo delle foglie di basilico e le spezzetto con le mani e respiro l’odore delle tenere foglie. Macino a pioggia pepe e sale. Termino con un filo d’olio extravergine e mescolo piano piano.

Avere le mani impegnate, pensare al taglio meticoloso, al godimento dei profumi, alle dosi e ai condimenti, un piacere solitario che mi garantiscono un sorriso, un rifugio.
Mi eclisso, mi perdo dentro quello che cucino.
Respiro profondamente ed ascolto il vociare della gente che cena fuori in veranda ed il rumore delle loro stoviglie che arriva fino al secondo piano.

13 commenti: