Taralli Pugliesi

12:00 Angela M. 6 Comments

Sono in Puglia dalla mia famiglia per qualche giorno, Fagiolino dorme, io e mia mamma siamo in cucina, se non mettiamo le mani in pasta, non siamo felici e quale migliore occasione per fare i taralli pugliesi?

Quelli “scaldati” ovvero prima bolliti e poi cotti in forno, fragranti, con olio d’oliva VERO, se poi di produzione propria meglio ancora, con aggiunta dei semini di cui siamo matti.

Non perdiamo tempo, abbiamo poca autonomia, prima che il piccolo gigante si svegli e inizi a reclamare mamma, nonna e zii ;)




Ingredienti:
500 gr di farina bio tipo 2 buratto
15 gr di sale
150 ml di vino bianco secco
125 ml di olio evo
Semi misti (sesamo, papavero, lino, girasole)

Procedimento:
Impastare tutti gli ingredienti fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo.
Lasciare riposare coperto da un canovaccio per mezz’ora. Dopodiché formare i tarallini allungando la pasta  e tagliandola a bastoncini, chiuderli sovrapponendo le due estremità.
Bollirli in acqua e scolarli quando salgono in superficie.
Sistemarli su un panno ad asciugare per qualche ora (il segreto è farli asciugare abbastanza così saranno più croccanti)
Infornarli a fuoco caldo a 200°C per 40  minuti circa.
Conservarli (se durano) in un barattolo chiuso ermeticamente.






I taralli pugliesi? Uno tira l’altro!

Potrebbe piacerti anche

6 commenti:

  1. Adoro i taralli, sono il mio snack preferito
    Non sapevo del trucco dell'asciugatura :-)
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si asciugatura perfetta=tarallo croccante!

      Elimina
  2. Che sfizioso snack! I taralli ai semi sono ancora più stuzzicanti e gustosi, se poi la ricetta è originale saranno speciali.
    Grazie della visita, sarà un piacere seguirti... Complimenti! :)

    RispondiElimina
  3. Miss non hai idea da quanto tempo cerchi una ricetta valida per i taralli, valida ed originale!!! Adoro quelli con dentro la cipolla caramellata, una goduria allo stato puro, tanto che ogni qual volta me li hanno regalati, avevo il pensiero fisso a loro fino a che non finivo tutta la bustina, una droga!
    Grazie mille, li farò appena possibile! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che il post sia di tuo gradimento! ti dico solo che sono nata nella patria dei taralli! Ora se segui alla lettera la ricetta e precisamente il segreto dell'asciugatura e della bollitura, potrai anche replicare i taralli con la cipolla caramellata, basta aggiungerli all'impasto e il gioco è fatto :)

      Elimina