The Perfect Bun

12:00 Angela M. 5 Comments

Entro in una pizzeria al taglio vicino casa mia, e tra le varie pizze trovo un prodotto che ha rapito completamente la mia attenzione, una pizza ripiena nera. Sì nera, più nera della pece. Inizio a fare mille domande e per gentile concessione del mastro fornaio ho ricevuto un po’ del prodotto magico, si tratta di un carbone vegetale per prodotti da forno.

Una polvere finissima, simile al borotalco, assolutamente inodore e insapore. Oltre al suo potere colorante è usato anche largamente in campo medico-farmaceutico per il trattamento di disturbi gastrici e intestinali. Il suo colore nero nei prodotti da forno associato con le varie farciture ha un effetto scenico potentissimo.

Ma non è bellissimo? Un’opera d’arte, quasi mi spiaceva mangiarlo!



Ingredienti (4 buns):

225 gr di farina 00;
5 gr di lievito secco;
25 gr di zucchero;
15 gr di burro;
1 uovo;
90 gr di acqua;
7 gr di sale;
3 gr di carbone vegetale.

Procedimento:
Mescolate in una ciotola tutti gli ingredienti secchi, la farina, lo zucchero, il lievito e girate con un cucchiaio perché si distribuiscano.
Aggiungete il burro a temperatura ambiente, l’uovo e l’acqua  e iniziate a impastare.
Lavorare molto l’impasto per circa dieci minuti, aggiungete il sale e continuate a impastare fino a quando l’impasto sarà liscio e morbido.
Fate lievitare circa 2 ore, dopo di ché formare delle piccole palline dal peso di 90/100 gr circa, schiacciatele con la mano come per creare un dischetto, coprite le formine e fate lievitare ancora per 1 ora.
Trascorso il tempo, accendete il forno statico a 170°. Spennellate i buns con dell’uovo sbattuto allungato con un cucchiaio di acqua. Decorate con semi di sesamo o papavero a piacere.
Infornate per circa 20 minuti e una volta cotti fateli raffreddare, apriteli e conditeli con quello che vi piace di più. Io li ho farciti con hamburger di pollo e tacchino, cipolla, insalata, pomodori e un filo di maionese.
Bellissimi e buonissimi!

Potrebbe piacerti anche

5 commenti:

  1. Davvero stupendi! Pensa che credevo fossero colorati con il nero di seppia... a vederli così! Davvero curioso quest'uso del carbone vegetale!

    RispondiElimina
  2. Ho mangiato poco tempo fa un panino molto simile, nero... sono rimasta incantata dal colore e dal sapore ed è una gioia sapere che si può rifare a casa! Ora devo capire dove andare a trovare il carbone vegetale, chissà se la Befana ne è provvista... se no busso a te ma senza entrare dal camino... :D

    RispondiElimina
  3. No vabbè ma io questo carbone magico lo voglio trovare nella calza della befana :D
    Un panino super trendy,bravissima!

    RispondiElimina
  4. Ciao Angela!! A dir poco meraviglioso questo panino!! Che gentile il tuo fornaio...davvero magico questo carbone, faremo delle ricerche :) Anche noi credo saremmo rimaste ore a fotografarlo, troppo bello!!
    Un bacione e grazie per averci arricchito con le informazioni sulle tradizioni di Cerignola! :)

    RispondiElimina
  5. un panino con carbone vegetale, come i grandi Chef!?!??! WAW che bell'effetto, brava! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina